Friday, 1 July 2016

segno del destino?

Sabato scorso sono venuti a cena da noi Isabella e Paolo, i genitori di Marco, i miei consuoceri, per pianificare il viaggio a New York.
I nostri figli, Chiara e Marco, si sono trasferiti la in ottobre e li andiamo a trovare. Ovviamente abbiamo deciso di trascorrere alcuni giorni assieme.

Ci sarà anche mio figlio Lorenzo di 22 anni che abita a Dublino e sarà strano "incontrarsi a NY."

Mio marito Lucio, tra una braciola e una costina ai ferri, ha parlato di Roma e della Via Francigena. E' stato l'argomento della serata, tanto che New York è stato liquidato in poco tempo.

Così ho saputo che Isabella e Paolo fanno Nordic Walking, cioè camminata con i bastoncini, di cui ho sentito tanto parlare nei forum. Dicono che allievi la fatica e anche loro mi hanno confermato che fare la camminata nel modo corretto permette si sottrarre fatica alle gambe, distribuirla a tutto il corpo e riuscire a fare più strada.
Isabella si è proposta di darmi qualche lezione. Avevo visto parecchi tutorial su internet ma non puoi imparare ad andare in bicicletta guardando dei video: prima o poi devi montare sulla bici.

Così ieri sera abbiamo fatto la prima seduta si insegnamento. E' arrivata qua con dei bastoncini nuovi di zecca super professionali, che mi ha lasciato, e ha tentato di instillarmi i primi rudimenti di questa disciplina. Speriamo sia vero che una volta imparato si faccia meno fatica perché a me non sembrava. Non capisco il meccanismo del piede-bastone opposto, trascinavo i bastoni invece che piantarli nel terreno per darmi forza. Abbiamo fatto più di un oretta di cammino a buon passo ma ero stanca più del solito e devo dire che tutto questo giovamento non l'ho sentito. Isabella mi ha però detto che è tutto normale.

Mi ha lasciato i bastoni per continuare ad usarli.
Così stamattina mi sono svegliata alle sei, per partire col fresco, ho inforcato scarpette, preso i miei bastoncini e ho cominciato  a camminare.
Ieri sera siamo andate in campagna, ma io faccio sempre la ciclabile, su cui c'è l'asfalto. Sull'asfalto devi usare i tappini per le punte. Qual'è il problema? mi sono detta.
Dopo pochi chilometri ho inforcato un tombino e ho perso un tappino!

**+°°$^^**!!!

Così, dopo nemmeno dodici ore da quando mi ha lasciato i suoi bastoni, glieli ho già resi inutilizzabili.
Dubito infatti che vendano i tappini spaiati.

Adesso glielo devo anche dire...







No comments:

Post a Comment