Friday, 29 July 2016

San Miniato


Ho dovuto dividere i post in due perché col tablet faccio fatica.

Il convento di San Francesco, dove passerò la notte, sembra uscito da un libro di storia medioevale. Non ho altre parole per descriverlo.
È' semplicemente uno spettacolo.

Arroccato in cime ad una montagnola, gigantesco e con mille stanze, chiostri, anfratti, rifugi per i frati che lo abitavano è una meraviglia dell'architettura del passato, il tipo di cose che mi hanno sempre lasciata senza fiato.

Le stanze sono fresche e, nonostante il numero di pellegrini, c'è un silenzio religioso. Ogni tanto si sentono dei cori gregoriani, o forse è qualcuno che canta da una chiesa qua intorno.

Ho fatto un sacco di foto, ma l'IPad non le carica e non posso postarle. Magari una volta a casa col computer proverò ad aggiungerle. Mi dispiace davvero tanto. Devo chiedere a Giacomo come sistemare questo aspetto.

Dopo una doccia e pennichella, mi sono concessa un giro per il paese, anche perché mi sentivo in colpa di aver preso il pullman. Stavo pensando che il blog si chiama "a Roma a piedi", ma ieri sono andata in trattore, anche se solo per tornare indietro al punto di partenza dove avevo sbagliato strada,  e oggi in pullman.
Non è che devo cambiare nome al blog o, peggio ancora, rifare tutto?
Adeso ci pensò su...

Mi sono fatta almeno un ora di camminata a titolo precauzionale, a passo abbastanza sostenuto, quindi dovrei aver espiato la mia colpa.

Passeggiando per questo paese di cui non avevo mai sentito parlare prima, mi sembrava che questo mio viaggio sulla Francigena sia anche un viaggio nella storia dell'Italia, delle sue bellezze senza fine di cui solo i turisti inglesi e tedeschi si innamorano, e che noi tante volte lasciamo andare, un viaggio a ritroso nel tempo.
Forse è perche sono a piedi?

Adesso sono nell'auditorium a scrivere e fra un po' andrò a cena.

Mi hanno detto che ci sono altri pellegrini, tra cui un gruppo nutrito di donne. Devo cominciare a pianificare il viaggio di domani, cioè mi devo aggregare ad un gruppo.

Staremo a vedere cosa succede stasera.

Per adesso vi saluto tutti. Un bacio a chi mi legge.

No comments:

Post a Comment